Catanzaro – Ai Nomadi consegnato il Pitagora d’Argento del maestro orafo Michele Affidato alla decima  Edizione di “ Settembre al Parco”.

1-4

Una distesa di entusiasmo e passione per un gruppo che ha fatto la storia della musica italiana e si rinnova nella tradizione, appassionando in un unico abbraccio generazioni diverse. NaturArt”, manifestazione organizzata dall’Amministrazione provinciale di Catanzaro, guidata dal presidente Enzo Bruno, con il principale obiettivo di valorizzare ulteriormente la straordinaria struttura naturalistica e culturale che pulsa nella città Capoluogo di Regione.

I Nomadi, la band più longeva del panorama musicale italiano, vengono fondati nel 1963, da Beppe Carletti e Augusto Daolio. Sul palco Beppe Carletti (tastiere/keyboard), Cico Falzone (chitarre/guitar), Daniele Campani (batteria/drums), Massimo Vecchi (basso e voci/bass and vocals), Sergio Reggioli (violino, percussioni e voci/violin, percussion and vocals), Cristiano Turato (voce/vocals).

Durante la serata sono stati interpretati diversi brani famosi da  “Gli aironi neri” a “La canzone del bambino nel vento (Auschwitz)”, da “Un pugno di sabbia” a fino a “Ho difeso il mio amore”, “Ma che film la vita”, “Canzone per un’amica”, “Dio è morto”, “Io vagabondo” e molti altri successi. Alla fine del concerto, organizzato dalla EsseEmme Musica del promoter Maurizio Senese, ai Nomadi è stato consegnato il  “Pitagora d’argento”, realizzato dal maestro orafo Michele Affidato che ieri sera ha portato personalmente l’opera, donata poi dal presidente Bruno, assistendo al concerto presentato dalla giornalista Rossella Galati.